A+ A A-

Uno dei posti più magici di Bologna: Bottega Prata.

Lui è Pierluigi Prata e, forse, si può dire che la sua sia una delle più belle botteghe di Bologna, uno di quei posti dove il tempo pare essersi fermato. 

E invece l’attività della bottega Prata non si è fermata affatto, ed ora a fare il fabbro con gli stessi attrezzi usati prima dal nonno e poi dal babbo, c’è lui Pierluigi.

L’artigiano ci mette passione e qui la passione si respira, oltre ai ferri del mestiere (anche la fucina è rimasta quella) si può trovare tutto il campionario dei pezzi creati negli anni dalla bottega, perché il nonno di Pierluigi, Antonio, quando faceva un pezzo per un suo cliente ne teneva una copia per lui. 

E i clienti chi sono? Dai nomi più conosciuti a Bologna come Seragnoli, Maccaferri e Lagostina, alle persone che con il passaparola hanno saputo della loro maestria. 

Mi racconta Pierluigi che i clienti non sono cambiati, le persone hanno ancora il gusto del bello, forse è cambiata la relazione che si instaura. Una volta il cliente si raccontava di più, ora è più schivo, più chiuso quasi con la paura a farti entrare nel suo privato. 

A Pierluigi chiedo come percepisce la vita associativa, lui mi ringrazia per la domanda e mi risponde cosi: “Ci tengo a dire una cosa, grazie a persone come Luigi Grandi (a lungo responsabile di Cna artigianato artistico) il ruolo di Cna per noi artigiani artistici è cambiato. Se ai tempi di mio nonno, la Cna era il braccio operativo per la parte burocratica, con me la Cna ha fatto un salto qualitativo creando un vero senso di comunità. Ci ha spinto ad uscire dalle botteghe, ci ha fatto incontrare, ha interpretato le nostre richieste, e la condivisione fa sentire più forti”.

Uno dei posti più magici di Bologna: Bottega Prata.

Lascia un commento

Il commento sarà valutato da un moderatore al solo fine di evitare messaggi di spam o contenenti linguaggio volgare o offensivo. Una volta approvato il commento sarà automaticamente visualizzato sotto l'articolo.

IN COLLABORAZIONE CON

           

CON IL PATROCINIO DEL